scarica il documento
NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO
E DEL REGISTRO ANAGRAFICO DELLA SPECIE CUNICOLA

CAPITOLO 1 - Caratteri morfologici delle razze del libro genealogico

I caratteri morfologici delle razze del libro genealogico sono riportati nell'allegato A.
Caratteri morfologici che comportano l'esclusione dal libro genealogico.
La presenza dei seguenti caratteri comporta l'esclusione dei soggetti dal libro genealogico:

  • orecchie pendenti;
  • denti anormali;
  • mantello non rispondente ai caratteri di razza.

CAPITOLO 2 - Caratteri morfologici delle razze del registro anagrafico

I caratteri morfologici delle razze del registro anagrafico sono riportati nell'allegato B.
Caratteri morfologici generali che comportano l'esclusione dal registro anagrafico.

Difetti gravi
Portano alla squalifica del soggetto. Essi sono:

Per la posizione 1
Mancanza di tipicità
completa incongruenza delle proporzioni:
orecchie pendenti per le razze ad orecchie dritte o dritte per le razze a orecchio pendente; orecchie di misura eccedente il limite massimo di razza; orecchie a sventola, aperte, inclinate;
dorso di capra o di cammello, dorso infossato, groppa frastagliata;
arti vaccini (a X) o cagnoli (a O) o con troppo appoggio in avanti;
malformazioni o menomazioni di ogni genere;
coda storta o rotta o strisciante o obliqua o di fianco;
ermafroditismo visibile; animali castrati; testicoli eccessivamente trascinati;
mancanza di una o più unghie,
giogaia nei maschi di tutte le razze; giogaia nelle femmine di razza Lepre; giogaia doppia, storta, di traverso, davantina nelle femmine delle razze pesanti, medie, leggere e nane; giogaia semplice nelle razze leggere e nane.
mutilazioni di ogni genere.

Per la posizione 2
Peso inferiore ai minimi o superiore ai massimi stabiliti per la razza.

Per la posizione 3
Pelliccia floscia; pelo esageratamente grossolano; mancanza del sottopelo; chiazze senza pelo la cui copertura non si ottiene coi peli circostanti; pelo eccessivamente lungo o troppo corto; eccessiva perdita di pelo; pelle troppo grossa mancante di elasticità.

Per le posizioni 4-5-6
Difetti di colorazione; forte ruggine; ciuffi (più di 5 peli insieme) diversi; eccessivi peli bianchi; assenza dei disegni e/o macchie caratteristici prescritti; occhi di colore diverso; macchie nell'iride; occhi e unghie non corrispondenti alle colorazioni tipiche.
Vedi nota nelle descrizioni delle singole razze.

Per la posizione 7
Soggetti ansimanti, anemici o sciancati; soggetti affetti da lacrimazione ; zampe ulcerate; croste nelle o sulle orecchie, muso e zampe; soggetti con parassiti; infiammazione ai genitali; soggetti sudici; femmine a fine gravidanza; soggetti sottoposti a manipolazioni tendenti a trarre in inganno la giuria, soggetti recanti tracce di tatuaggio recente.

Squalifica con tatuaggio
Tutti i soggetti giudicati Non Classificati, per difetti gravi, verranno squalificati e tatuati dall'Esperto responsabile, con apposita pinza sulla base delle seguenti condizioni: per la posizione 1 per tutti i difetti elencati; per la posizione 2 limitatamente al peso inferiore al minimo; per la posizione 3 limitatamente a pelle floscia, pelo esageratamente grossolano, mancanza del sottopelo, pelle troppo grossa mancante di elasticità; per le posizioni 4-5-6 limitatamente ad eccessivi peli bianchi, occhi di colore diverso o non corrispondente alle colorazioni tipiche, assenza dei disegni e/o macchie caratteristici prescritti; per la posizione 7, per tutti difetti elencati con esclusione dei soggetti recanti tracce di tatuaggio recente, soggetti sudici, femmine a fine gravidanza, soggetti affetti da lacrimazione.
Inoltre, per ogni razza, sono riportati nella relativa scheda di descrizione i difetti gravi specifici.

Criteri di valutazione e di classificazione morfo-funzionale delle razze del Registro Anagrafico

Nel giudicare il coniglio devono essere prese in considerazione alcune caratteristiche sia morfologiche che funzionali le quali determinano gli elementi fondamentali per la valutazione di ogni soggetto, nell'ambito della sua razza.
In base al peso dei soggetti, le razze sono state suddivise in quattro categorie: pesanti, medie, leggere, nane; in una quinta categoria sono state raggruppate le razze contraddistinte da una speciale struttura del pelo, indipendentemente dal peso.
Lo schema impiegato per il giudizio dei soggetti giovani è basato sulla valutazione complessiva del soggetto espressa attraverso l'assegnazione dei seguenti predicati: NC (Non classificato) S (Sufficiente); B (Buono); MB (Molto buono); E (Eccellente); EE (Eccellente extra).
Lo schema adottato ai fini della valutazione dei soggetti adulti è stato articolato in sette posizioni come indicato dalle Tabelle Riassuntive Punteggi di Giudizio e Pesi (Tabella 1 e Tabella 2 )
1 Tipo e forma del corpo punti 20
2 peso " 10
3 Pelliccia " 20
4 Variabili a disposizione per la caratterizzazione delle razze " 15
5 " 15
6 " 15
7 Presentazione " 5
Pertanto gli elementi di giudizio da prendersi in considerazione sono in parte eguali per tutte le razze (posizioni 1-2-3-7) e in parte diversi (posizioni 4-5-6-). Per la esatta definizione delle posizioni 4-5-6, le quali servono a caratterizzare morfologicamente le varie razze, vedasi la tabella delle suddivisioni in Classi e Denominazioni delle Posizioni 4-5-6 (Tabella 3).
I punti complessivamente 100, a disposizione del Giudice per la valutazione del soggetto nella misura massima indicata per ogni singola posizione, possono essere utilizzati per frazione minima di 1/2 punto.

1. Tipo e forma del corpo
Il soggetto deve essere giudicato nell'insieme del suo aspetto generale e delle proporzioni intercorrenti fra le varie parti del corpo; perciò la mole, il peso e la taglia devono presentarsi in armonia con l'aspetto tipico della razza. Inoltre per ogni razza deve essere permessa una immediata distinzione fra i due sessi con la semplice visione d'assieme del soggetto. Il dimorfismo sessuale deve essere quindi sufficientemente spiccato; la forma della testa, il petto sviluppato e potente, la muscolatura degli arti evidente e marcata caratterizzano sempre i soggetti di sesso maschile, mentre le femmine presentano una maggiore eleganza che risulterà evidente nel corpo ed in una impalcatura scheletrica più leggera.
Nel giudicare le quattro razze pesanti, bisognerà considerare l'evidenza del tipo gigante, con ossatura molto forte e allungata che solo nell'Ariete sarà invece forte e larga.
Le razze medie, quasi tutte buone produttrici di carne, si distinguono per il maggior sviluppo delle fasce muscolari e per la precocità nel raggiungere un'armonica maturazione. Nel giudicare i soggetti medi, bisognerà considerarne la particolare conformazione relativa ai rapporti fra i differenti diametri che caratterizzano le sezioni del corpo.
Le razze leggere e nane, tipicamente da hobby, sono giudicate valorizzandone il colore, il disegno e le caratteristiche originali.
Le razze a struttura di pelo speciale sono valutabili anch'esse fra le razze da reddito per la produzione di pelo e pelliccia. La forma del tronco si esprime nelle sue proporzioni ideali:
altezza = larghezza = 1/3 della lunghezza

Descrizione delle singole parti del corpo:
Occhio - Vivace e brillante.
Testa - Fronte larga, muso e guance ben sviluppate, profilo nasale convesso.
Orecchie - Robuste, arrotondate all'estremità, pelose, devono corrispondere in lunghezza e portamento alla rispettiva razza. Lunghe circa 1/4 della lunghezza corporea.
Collo - Saldamente attaccato al corpo senza passaggio marcato, ad eccezione della razza lepre che deve essere nobilmente formato e ben visibile.
Petto - Pieno, largo e consistente.
Giogaia - Piega di pelle del sottogola. Imperfezione che va combattuta in tutte le razze. Può essere ammessa nelle femmine delle razze gigante e medie, nell'Angora e nel Rex a condizione che sia poco pronunciata, corretta, semplice e diritta. Non è ammessa nella razza Lepre, nelle razze leggere e nelle razze nane.
La protuberanza sotto il mento del maschio (nodo) non deve mai essere troppo pronunciata e non deve derivare da affezione ghiandolare.
Arti anteriori - Forti, diritti, con limitato appoggio al suolo.
Arti posteriori - Forti, in posizione parallela al corpo. Cosce piene e muscolose aderenti al tronco.
Dorso - Ben fatto, senza visibile passaggio dalla regione delle spalle.

2. Peso
Il giusto punteggio lo si ottiene attraverso una esatta pesatura.
Il peso ideale viene raggiunto nell'età adulta.

3. Pelliccia
Il mantello viene giudicato in base alle caratteristiche del sottopelo (borra), dei peli di copertura (giarra) e in alcune razze dai peli a resta. Altri parametri di giudizio della pelliccia sono: consistenza, morbidezza e lucentezza, unite alle caratteristiche che presenta il sottopelo. La valutazione della pelliccia non deve prescindere dalle caratteristiche proprie della pelle che dovrà essere sottile, facilmente staccabile dal corpo e contemporaneamente presentare notevole elasticità così da ritornare immediatamente distesa ed aderente.
Nell'ambito delle razze a pelo normale si differenziano pellicce con pelo lungo, medio e corto.

4.5.6. Posizioni variabili
Queste posizioni sono descritte e particolareggiate per ogni singola razza. Nel caso della Bianca di Nuova Zelanda e della Californiana si è ricorsi alla scomposizione delle posizioni 4 e 5 per valorizzare l'attitudine alla produzione della carne, particolarmente tipica per queste razze.
In tutte le altre razze si è mantenuta l'articolazione delle posizioni, con notevole agevolazione e chiarezza per la sistematicità sia dell'attribuzione sia della comprensione e lettura dei punteggi.

Descrizione delle colorazioni più diffuse:
Abbreviazioni d'uso delle colorazioni più diffuse
Argentato - l'argentatura è determinata da due tipi di pelo di giarra: peli interamente colorati e peli con estremità bianco-argento. Sono ammesse le colorazioni champagne, bruno, grigio lepre, nero, avana, blu, giallo.
Avana - Marrone color sigaro, uniforme su tutto il corpo, più opaco sul ventre; sottocolore blu; occhi bruni con trasparenze rosse; unghie color corno scuro.
Bianco - Bianco, privo di qualsiasi sfumatura su tutto il corpo. Occhi rossi, (albini) o azzurri. Unghie depigmentate.
Blu - Si presenta con colorazione ardesia intensa. Il sovracolore è uniforme fino in profondità ove il sottocolore è solo leggermente più chiaro. Occhi blu-grigi. Unghie corno scuro.
Castoro - Sovracolore castano-focato che si compone di zone di colori stratificati; i singoli peli hanno un largo colore intermedio arancione e finiscono con punta nera; più chiaro il colore del petto, dei fianchi, delle orlature delle orecchie, delle guance e degli occhi; il triangolo della nuca è castano chiaro; il ventre bianco; il sottocolore è blu. Occhi e unghie sono di colore bruno scuro;
Cincillà - Grigio con tonalità bluastre e ticchiolatura nera più intensa sul dorso - La ticchiolatura è determinata da ciuffetti di peli neri. Il sovracolore del mantello si estende sui fianchi. Un colore intermedio e ben delimitato di circa mm. 5 appare biancastro. Petto e zampe sono egualmente colorati. Le orecchie sono orlate di nero. Il triangolo sulla nuca è piccolo e di color grigio chiaro. Il ventre e il sottocoda sono bianchi. Il sottocolore è per tutto il corpo blu scuro. Le unghie sono di colore nerastro.
Fulvo - Il sovracolore è di tonalità arancio giallastro più pregiato se intenso e uniforme su tutta la parte superiore, fianchi, petto e zampe.
Si presenta più chiaro, tendente al color avena, sull'addome, nella parte interna delle zampe posteriori e della coda, sotto le guance e nella cerchiatura degli occhi. Le unghie sono di color corno senza tendere al nero. Il sottocolore si presenta leggermente più chiaro del sovracolore senza però essere bianco. Gli occhi sono bruni.
Giallo - Colorazione forte . Sottocolore in tonalità più chiara. Ventre bianco. Occhi bruni. Unghie color corno.
Grigio ferro - Grigio scuro su tutto il corpo, leggermente più chiaro sul ventre. Triangolo della nuca e colore intermedio bruno nerastro appena abbozzati. Sottocolore blu. Occhi bruni. Unghie nerastre.
Grigio lepre - Leggermente più chiaro del grigio selvatico, con largo colore intermedio ruggine.
Grigio scuro - Uniformemente grigio-scuro: testa, petto, dorso e fianchi. Solo il ventre è leggermente più chiaro sfumato. Il colore intermedio ed il triangolo della nuca sono leggermente marrognoli. Il sottocolore è blu. Gli occhi bruni. Le unghie nerastre.
Grigio selvatico - Sovracolore grigio-bruno con peli di giarra a punta nera (ticking), più carico sul dorso. Triangolo della nuca, bruno. Orlatura delle orecchie nera. Orlatura delle guance, mascella inferiore, parte interna delle zampe e parte visibile della coda, bianche. Sottocolore bluastro. Occhi bruni. Unghie nerastre.
Madagascar - Sovracolore giallo-bruno con fuligginosa colorazione tipo martora. Sottocolore da arancione sul dorso a bluastro sul ventre. Nella versione pezzata di tutte le colorazioni per le quali è prevista la disposizione a mantello pezzato, la stessa prevede la copertura di spalle, dorso e parti posteriori del corpo, di colore scuro. Occhi bruni. Unghie color corno.
Nero - Intenso e profondo, il nero, colora uniformemente tutto il corpo. Sottocolore blu profondo. Occhi bruni. Unghie nerastre.
Rosso - Rosso volpe lucente. Il sottocolore si discosta di poco dal sovracolore. Occhi bruni. Unghie corno scuro.

7. Presentazione
Condizione essenziale perchè un coniglio possa essere ammesso a giudizio è di essere sano ed in ottimo stato di cura. Il coniglio di razza deve possedere chiari segni di riconoscimento secondo le norme vigenti. Dipende dalla competenza e dalla preparazione dell'allevatore predisporre un soggetto per il giudizio. Orecchie, zampe, genitali puliti, unghie corte o tagliate opportunamente, muscolatura consistente, espressione degli occhi vivace ed un temperamento vispo sono le caratteristiche di un soggetto di buon pregio.

Difetti leggeri
Portano alla sottrazione di punti nella valutazione del soggetto. Essi sono:

Per la posizione 1
Tipo non ideale, leggero spostamento delle proporzioni, struttura fine nel maschio o grossolana nella femmina; groppa non arrotondata sufficientemente; linea del dorso non equilibrata o leggermente insellata, spalle o cosce sporgenti, testicoli a penzoloni Nodo nel maschio, portamento delle orecchie non conforme alla descrizione dello standard, orecchie sottili o mal portate; leggere ferite; imperfetto appiombo degli arti.

Per la posizione 2
Ogni variazione del peso ideale.

Per la posizione 3
Pelliccia non consistente, piccole chiazze senza pelo, pelo troppo lungo o troppo corto, leggera perdita di pelo; pelle grossa.

Per la posizione 4-5-6
Difetti di colorazione; ombre di ruggine specialmente nelle colorazioni nero, blu e bruna; ombre di muffa dovute a peli a punta bianca sul manto scuro; qualche pelo bianco.
Vedi nota nella descrizione delle singole razze.

Per la posizione 7
Leggero sudiciume nelle orecchie, sulla pelliccia, sulle zampe, attorno ai genitali; occhi leggermente lacrimosi; ferite leggere; unghie lunghe; soggetti tristi e privi di temperamento.
Inoltre, per ogni razza, sono riportati nella relativa scheda di descrizione i difetti leggeri specifici.

Torna all'inizio della pagina

ANCI
Via L'Aquila, 23/M
00176 Roma - Italia
tel. +39 06 70307139
fax +39 06 70305845
e-mail: info@anci-aia.it
P.IVA: 02139721001
© Associazione Nazionale Coniglicoltori Italiani